Chalet Corso | DE | EN

Da Vedere a Brunico e nelle vicinanze

Da vedere a Brunico e nelle vicinanze

Brunico, una piccola città vivace con un nucleo storico e dintorni naturalmente agricoli. Brunico, „la perla della Val Pusteria" è varia, trovate una ricca offerta di passatempi per ogni età, accogliente ospitalità, fiabesco mondo delle Dolomiti e Alpi Aurine e l'incontro tra cultura urbana e tradizione rurale.

  • Il museo civico: il museo civico è stato inaugurato nel 1995 in quelle che erano state le stalle della posta e che alloggiavano un tempo cavalli e carrozze. In una sala al pianoterra è ospitata un’esposizione stabile di opere gotiche di Michael Pacher. Al primo piano vengono allestite mostre temporanee.
  • Il Museo provinciale degli usi e costumi di Teodone presso Brunico: Questo museo è un museo all’aria aperta, e si estende su una superficie di 4 ettari, sulla quale si trovano circa venticinque masi rappresentativi delle diverse abitazioni delle valli altoatesine. Arredi e arnesi originali danno uno spaccato etnografico della vita contadina di un tempo. L’esposizione della residenza Mair am Hof illustra la vita della nobiltà territoriale e le tradizioni religiose ed è arricchita da una bella collezione di artigianato artistico. Il museo permette di partecipare ad attività come la preparazione del pane, la preparazione di miscele di erbe aromatiche e la tosatura delle pecore, un programma che coinvolge tutta la famiglia.
  • La rocca Lamprechtsburg: La rocca è situata su una collina vicino a Brunico, della quale tre lati sono in pendenza. Nel 1220, il castello è stato costruito dal conte Albert del Tirolo, e da 1229 a 1813 fu feudo di Bressanone. IlDie Burganlage, die sich durch ihre Einfachheit auszeichnet, ist durch eine ausgedehnte Ringmauer und im Süden durch einen Zwinger mit Rondell geschüPalas und Bergfired wurden mehrfach umgebaut. Palais e i lBergfried sono stati ricostruiti più volte. Oggi la rocca è privata e perciò può essere visitata solo da fuori.
  • Castello di Brunico: Da qualsiasi parte ci si avvicini alla città, la prima cosa che si nota è il grande castello vescovile. Il castello é situato su una collina facilmente accessibile sopra la città. Da qui si ha una vista fantastica sul centro storico di Brunico. L'ingresso principale del castello è costituito dal portale sud, cui un tempo si accedeva attraverso un ponte levatoio. Nel cortile interno del castello si trova una torre circolare, tramite la quale si accede agli ambienti superiori. Nell'ala destra si trovano le stanze dei vescovi, in quella di sinistra l'appartamento dell'amministratore e, originalmente, anche gli alloggi del personale.
  • Cimitero di Guerra: è uno dei più belli nel suo genere. Vi riposano caduti del fronte dolomitico della Prima e della Seconda Guerra Mondiale.
  • Chiesa di S. Caterina: La chiesa è situata sul colle del castello e insieme a questo è il simbolo della città. È stata barocchizzata nel 1675. Assolutamente da vedere è il bel campanile a bulbo con interessanti stemmi.
  • Chiesa Parrocchiale: Nella chiesa parrocchiale di Brunico si trova un crocifisso di Michael Pacher e un imponente organo Mathis (svizzera), costruito nel 1983, il quale è uno dei più grandi dell'Alto Adige.
  • Chiesa delle Orsoline: La chiesa è stata realizzata in stile gotico agli inizi del XV secolo.Nella chiesa si trovano affreschi di Johannes di Brunico (1420). Nell’anno 1758 la porta delle Orsoline è stata danneggiata per il trasporto di una fontana nella città.
  • Chiesa di Santo Spirito: La chiesa barocca, costruita nel 14. secolo e restaurata successivamente, è situata nel centro di Brunico. Nella chiesa si trova anche una rappresentazione barocca del battesimo di Gesù, fatta di Franz Unterberger (1707-1776).
  • Convento dei Cappuccini: sia il convento che la chiesa dei Cappuccini presenta, nello spirito dell'Ordine, un allestimento assai sobrio.